Implantologia

La moderna implantologia dentale permette il ripristino degli elementi dentari mancanti o gravemente compromessi (a causa di carie destruenti, parodontopatie, fratture della radice, ecc) mediante impianti endoossei in titanio (viti in titanio).
Il titanio è infatti un materiale completamente biocompatibile e viene completamente osteointegrato nell’osso mascellare o mandibolare, senza dare reazioni allergiche o di rigetto dei tessuti.

Gli impianti vengono posizionati mediante una semplice procedura chirurgica che viene effettuata in anestesia locale e, una volta in situ, sostituiscono la radice dei denti persi.
Attraverso gli interventi di implantologia dentale è possibile ripristinare non solo denti mancanti singoli o multipli, ma anche intere arcate edentule.

Nel caso di impianti singoli o multipli, dopo la prima fase chirurgica che prevede l’inserimento delle viti implantari e una fase di guarigione (3-4 mesi a seconda dei casi), vengono applicate corone protesiche singole (capsule) o multiple (ponti) sostenute dagli impianti. In questo modo è possibile offrire ai pazienti che hanno perso uno o più denti soluzioni protesiche fisse senza la necessità di ancorarsi ad atri denti adiacenti a quelli estratti.

In caso di completa edentulia (perdita di tutti i denti di una arcata), l’inserimento di 4 o più impianti può permettere la sostituzione di tutti i denti persi mediante protesi fisse, anche in pochi giorni (implantologia a carico immediato). Quindi, anche i pazienti portatori di protesi mobili totali (dentiere) possono beneficiare dei vantaggi dell’implantologia dentale, ritrovando il comfort masticatorio, estetico e funzionale che solo una protesi fissa può offrire.